Home Blog

Misano amara per Ebimotors in Fanatec GT2 European Series

Non è sicuramente stato il miglior weekend stagionale quello disputatosi a Misano sul Marco Simoncelli Circuit per Ebimotors in Fanatec GT2 European Series.

Le due Porsche 911 GT2 CS schierate al via hanno faticato ad adattarsi al tortuoso anello romagnolo, il caldo ha inoltre messo in difficoltà la messa appunto dell’assetto delle vetture.

Giorgi in una fase di gara

Gianluca Giorgi, affiancato per questo appuntamento da Alberto Scilla, non ha trovato un ottimo feeling con la vettura, afflitta anche da qualche noia di accensione. Per lui un terzo posto in gara 1 ed un quinto in gara 2. Giorgi mantiene così il secondo posto di categoria in campionato, con un divario dal primo che è leggermente aumentato, ma è ancora ampiamente colmabile a tre prove dal termine.

La Porsche numero 66 di Venerosi-Baccani

Hanno rotto il ghiaccio in una competizione di livello i due driver, nonché amici, Paolo Venerosi  Pesciolini ed Alessandro Baccani. La storica coppia, tornata al via dopo alcuni mesi di pausa, ha portato a casa un quinto posto di classe in gara 1. Una toccata in gara 2 ha costretto il duo al ritiro.

La prossima gara del challenge sarà a fine luglio in Belgio, con una stagione ancora apertissima vista la classifica molto corta di classe AM.

Ebimotors, bicchiere pieno a metà nella Michelin Le Mans Cup

Fine settimana davvero denso di appuntamenti per Ebimotors. Il team di Enrico Borghi si è sdoppiato negli appuntamenti di Monza, con la Michelin Le Mans Cup, e Misano con il campionato Fanatec GT2 European Series. Di seguito quanto avvenuto a Monza.

Una fase di corsa della splendida Porsche 911 GT3 R numero 46 del duo Busnelli-Babini

Non è stato un epilogo molto felice quello lombardo per il duo Babini-Busnelli su Porsche 911 GT3 R numero 46. L’equipaggio, dopo aver conquistato la pole position, non ha saputo concretizzare al meglio la prova per alcuni inconvenienti. L’auto si è comunque comportata in maniera eccellente, merito di un’ottima messa a punto da parte del team.  Alla fine i due hanno ottenuto un quarto posto di classe che conferma anche la quarta posizione di categoria in campionato a pari punti del terzo posto.

Ora ci sarà un mese e mezzo per recuperare le energie e mettere a punto il tutto per le due ultime prove del campionato con la trasferta belga di Spa Francorchamps di fine settembre. Su un tracciato sempre altamente veloce vedremo la 911 GT3 R ancora molto competitiva.

Nuova Alfa Romeo Giulietta 2026, voci di un ritorno insieme alla Delta?

Il rilancio di Alfa Romeo sarà fatto con un nuovo modello ogni anno dal 2023 al 2030. L’offerta si concentrerà soprattutto nel mondo dei suv e dei crossover, con alcune variazioni. Una di queste potrebbe essere rappresentata dal ritorno nel segmento C anche con un’auto non rialzata. Risulta infatti abbastanza probabile la possibilità di rivedere a listino l’Alfa Romeo Giulietta. I brand competitors di Alfa Romeo (Audi, BMW e Mercedes) hanno a catalogo modelli che raccolgono enormi consensi (A3, Serie 1 e Classe A). Per cui anche il brand italiano potrebbe riaffacciarsi alla finestra in questo redditizio, quanto complicato, segmento.

Il ritorno dell’Alfa Romeo Giulietta comunque non avverrà prima del 2026-2027. Ci aspettiamo quindi l’arrivo di un modello solamente elettrico che potrebbe nascere sul pianale STLA Medium.

L’auto potrebbe avere una lunghezza di circa 440 cm ed andare a condividere le soluzioni tecniche che poterebbero essere previste anche per la futura Lancia Delta.

L’immagine di copertina che abbiamo usato è un render del designer Mirko Del Prete, che ringraziamo per la concessione. Non si tratta ovviamente di un progetto ufficiale.

La nuova Alfa Romeo Giulietta elettrica potrebbe avere un design in linea con la neonata Tonale. Fari full LED o Matrix a seconda delle versioni, strumentazione interamente digitale con un possibile unico schermi negli interni che andrà dal tachimetro al tradizionale monitor del sistema di infotainmente.

A livello di motorizzazioni potremmo avere versioni a trazione anteriore ed integrale. La versione d’attacco potrebbe avere attorno ai 150-170 CV, per poi salire a circa 200 CV sempre con singolo motore. Con doppio motore e trazione integrale potrebbero esserci due varianti da 280 e circa 400 CV (quest’ultima denominata Quadrifoglio Verde).

Le batterie potrebbero avere tagli da 65 e da 90 kWh per autonomie tra 450 e 650 km. Vi terremo aggiornati sul possibile arrivo dell’auto.

Nuova Renault Clio 2023: prime informazioni sul restyling

E’ una delle paladine del segmento B ed una delle colonne portanti del brand Renault. Parliamo della Renault Clio, vettura nata nel lontano 1990, giunta oggi alla quinta generazione. Quest’ultima è arrivata in commercio nel 2019. Entro la fine del prossimo anno ci attendiamo il restyling di metà carriera dell’auto che le porterà in dote più tecnologia e soprattutto una gamma motori ancor più elettrificata.

Il possibile nuovo posteriore della Renault Clio, in arrivo a fine 2023

Le immagini utilizzate nell’articolo sono state prese dal video Youtube del canale di Mahboub 1. Non si tratta di foto reali, ma di ricostruzioni di quello che potrebbe essere l’aspetto estetico della nuova Clio. Di seguito il link al video:

Esteticamente la nuova Renault Clio potrebbe avere un frontale ispirato alla nuova Megane elettrica, con mascherina più pronunciata e look inedito per i fari. Questi ultimi potrebbero essere full LED di serie. Lo stesso ritocco estetico andrà ad interessare le luci posteriori. Arriveranno probabilmente inedite tinte della carrozzeria e cerchi in lega dal design mai visto. Non cambieranno le dimensioni della compatta di segmento B

Secondo le ultime news la nuova Renault Clio adotterà l’inedito motore a benzina 1.2 TCe nelle declinazioni da 90 CV, 110 CV e 130 CV di potenza. Probabilmente tutte le varianti saranno dotate di sistema mild-hybrid per abbattere consumi ed emissioni. Avremo anche una motorizzazioni a GPL, sviluppata sullo stesso propulsore, con circa 100 CV.

Il grosso cambiamento dovrebbe esserci per quanto riguarda le motorizzazioni ibride, nelle quali il 1.6 potrebbe essere rimpiazzato da un più corposo 1.8 aspirato ciclo Atkinson. Potrebbe esserci un leggero guadagno di cavalli e di autonomia in elettrico. La plug-in potrebbe arrivare sino a 60 km di autonomia a zero emissioni.

L’arrivo della nuova Renault Clio potrebbe avvenire per la fine del 2023, con un listino di attacco di circa 18.000 €.

Nuova Lancia Ypsilon 2024: come sarà e quando arriva, notizie ufficiali

Dal 2024 partirà il processo di rilancio del brand Lancia, da troppi anni ormai ridotto ad un marchio quasi di nicchia per il solo mercato italiano. La ripartenza avverrà a suon di un modello ogni due anni, con la nuova Lancia Ypsilon in primis. Si tratterà anche dell’ultimo modello che presenterà in gamma anche versioni endotermiche elettrificate. La stessa Ypsilon, nel restyling del 2028, diventerà un modello solo elettrico, che affiancherà il suv (Aurelia) in arrivo nel 2026 e la nuova delta, prevista per il 2028.

QUANDO ARRIVA LA NUOVA YPSILON?

La presentazione della nuova Lancia Ypsilon avverrà a fine 2023 o entro gennaio 2024, con lancio commerciale in Italia entro marzo-aprile 2024. Entro giugno dello stesso anno si apriranno i confini di altri mercati europei per lancia, con la vendita della compatta in Spagna, Germania, Francia, Belgio e Olanda.

L’immagine di copertina della nuova Lancia Ypsilon è stata presa dal profilo Behance di Kleber Silva, di cui di seguito il link. Non si tratta di foto ufficiale:

https://www.behance.net/gallery/98487053/Lancia-Ypsilon-2021?tracking_source=search_projects%7Clancia%20ypsilon

A livello di conferme ufficiali, ecco quanto si sa ad oggi sulla nuova Lancia Ypsilon

  • MOTORI: da subito propulsori 1.2 pureTech con tecnologia mild hybrid e potenze tra 80 e 135 CV, almeno una versione elettrica da 140 CV con 50-55 kWh di batteria, dal 2028 nuove varianti elettriche;
  • FRONTALE: nuova calandra a calice retroilluminata, nuovo logo;
  • INTERNI: di categoria premium con utilizzo di tessuti e materiali da brand premium come Poltrona Frau, Alcantara, etc:
  • CARROZZERIA E DIMENSIONI: la Lancia Ypsilon sarà lunga poco più di 4 metri ed avrà 5 porte;
  • RILANCIO DEL BRAND HF: possibile lancio di un’elettrica ad alte prestazioni (170-180 CV), da valutare in base agli ordini ed alle richieste;
  • INFOTAINMENT: nuovo sistema SALA per la gestione personalizzata di clima, musica e luci ambiante.

Per ulteriori informazioni continuate a seguirci.

Nuova Volkswagen Touareg 2023: info sul restyling

Sarà probabilmente svelato entro la fine del 2023 con vendite da inizio 2024 il facelift di metà carriera della Volkswagen Touareg. Il maxi suv di Casa tedesca probabilmente rimarrà a listino sino al 2027-2028 quando poi potrebbe trasformarsi in un modello full electric.

Il possibile posteriore della nuova Volkswagen Touareg, ripensato dal designer Kleber Silva

Sono già circolate in rete le prime foto spia di modelli ancora fortemente camuffati. Proponiamo in questo articolo il render del designer brasiliano Kleber Silva. Non si tratta ovviamente di foto reali. Di seguito il link alla pagina Behance da cui abbiamo preso le foto. Ringraziamo l’artista per la gentile concessione.

https://www.behance.net/gallery/146708209/Volkswagen-Touareg-R-2024

POSSIBILI CARATTERISTICHE

A livello estetico, le modifiche si concentreranno nella mascherina frontale e nel disegno delle luci. Avremo fari con tecnologia Matrix digitale ed una griglia anteriore più consona alle ultime arrivate a Casa Vw. Migliorie ci saranno dentro con un sistema di infotainment più evoluto, con schermo da 15 pollici. Avremo nuovi colori, disegni per i cerchi in lega e tonalità per gli interni, con materiali di gamma alta, quali pelli, eco pelli ed Alcantara.

Come motorizzazioni avremo un’evoluzione importante che prevederà con tutta probabilità una gamma interamente elettrificata, per essere al passo con i tempi e le avversarie. Supponiamo dei diesel mild-hybrid 3.0 TDI V6 da 245 e 290 CV ed almeno due versioni ibride ricaricabili con circa 350 e 430 CV. La capacità delle batterie dovrebbe sfiorare i 20 kWh per circa 70-80 km di autonomia. Ovviamente la notizia sui nuovi motori necessita ancora di una conferma ufficiale.

Da capire ancora se, almeno per alcuni mercati, la Volkswagen Touareg possa arrivare in versione sportiva R, magari con un 4.0 litri V8 con potenza attorno ai 500 CV.

Il lancio commerciale dovrebbe essere effettuato entro i primi mesi del 2024, con un listino di partenza di circa 82 mila euro. Vi terremo aggiornati con tutte le novità ufficiali.

Ebimotors in Michelin Le Mans Cup per puntare in alto

Ebimotors si presenta al via nella gara di casa con buoni propositi per conquistare posizioni importanti in classifica della Michelin Le Mans Cup. Nella prova di Monza (1-2 luglio) vedremo in pista la Porsche 911 GT3 R giallo-blu con il numero 46 di Babini-Busnelli.

Sul veloce circuito lombardo saranno schierate 7 vetture in classe GT3. Ebimotors, dopo una “falsa partenza” nella prima prova del campionato a Le Castelet, sta inanellando una serie di buoni risultati che ha permesso al duo Busnelli-Babini di portarsi in terza posizione di categoria dopo la prova di Le Mans.

Ora a Monza il team di Enrico Borghi proverà a piazzare la zampata per guadagnare altro terreno sui leader di campionato.

Oltre alle 7 vetture di classe GT3 vedremo al via ben 30 equipaggi di categoria LMP3, per cui l’anello di 5.793 metri sarà trafficato. Si prevedono ottime condizioni meteo, con molto caldo in pista. Per seguire la manifestazione basterà collegarsi al canale Youtube ufficiale della Michelin Le Mans Cup al seguente link:

https://www.youtube.com/c/LeMansCup

Di seguito tutti gli orari:

VENERDI’ 1 LUGLIO

Prove Libere 1, dalle ore 10.30;

Test Bronze, dalle ore 14.50;

Prove Libere 1, dalle ore 18.00;

SABATO 2 LUGLIO

Qualifiche GT3, dalle ore 12.45;

Gara di 110′, dalle ore 17.10.

Vi terremo aggiornati sui risultati.

Nuova Volkswagen ID.Aero 2023, berlina elettrica con autonomia da primato

Il problema delle auto elettriche è spesso rappresentato dall’autonomia. Troppi pochi i km che le vetture odierne fanno con una ricarica, che spesso diventano ancora meno se si viaggia molto in autostrada. Ad oggi, per avere percorrenze di oltre 500 km reali, bisogna andare su pacchi batterie da oltre 85-90 kWh, con prezzi e “sovrappesi” non da poco. Oltretutto, visti gli ingombri delle celle, tali autonomie non sono fattibili su auto medio-piccole.

La soluzione al problema è rappresentata dalla Volkswagen ID.Aero. La filante berlina del brand tedesco debutterà entro la fine del 2023.

La Volkswagen ID.Aero è una maxi berlina a 3 volumi, con 5 poste (non con mini vano bagagli apribile solo lato carrozzeria come nelle sedan, che debutterà tra circa un anno. L’aspetto non è ancora definitivo, ma dalle foto che la stessa Casa ha diffuso, ormai siamo vicinissimi alle forme definitive.

La ID.Aero, lunga quasi 5 metri, vanta un coefficiente aerodinamico di 0,23, ai vertici della categoria. L’auto è realizzata sulla piattaforma MEB e prevede un pacco batterie che, nella versione top di gamma, sarà da 77 kWh. L’autonomia dichiarata è di 620 km del ciclo WLTP. Siamo a 100 km in più di modello come la ID.3 e la ID.4.

L’auto arriverà con l’obiettivo di non far rimpiangere la Passat (che ha già perso la carrozzeria sedan). Nel tempo potremmo aspettarci anche una ID.Aero Variant.

Dal punto di vista motoristico l’auto potrebbe debuttare con singola motorizzazione posteriore da 204 CV, e con doppia motorizzazione e trazione integrale 4Motion da 265 e 300 CV. Il bagagliaio dovrebbe raggiungere i 600 litri.

Le consegne della Volkswagen ID.Aero potrebbero partire dalla primavera del 2024, con mercato di punta quello cinese, ma con volontà di far bene anche in Europa. Prezzo indicativo da circa 52-55 mila euro. Seguiteci per tutti gli aggiornamenti.

Ebimotors con due equipaggi a Misano nella Fanatec GT2 European Series

Torna in Italia per il terzo appuntamento stagionale il campionato Fanatec GT2 European Series, destinato alle potenti vetture omologate per tale categoria. La competizione si svolgerà a Misano nel weekend del 1-2 luglio.

Per la gara che si svolgerà sul tortuoso anello romagnolo, Ebimotors schiererà in pista due auto. Saranno al via infatti ben due Porsche GT2 RS Clubsport che si getteranno nella mischia, su un asfalto che si prevede torrido, insieme ad auto come Lamborghini Huracan, KTM X-Box, Audi R8 LMS, etc.

Nel fine settimana che si disputerà sul Marco Simoncelli Circuit, Gianluca Giorgi (attualmente secondo nella classifica AM) sarà affiancato dal forte Alberto Scilla. Li vedremo correre sull’auto numero 7.

La new entry è rappresentata dalla seconda auto che si presenterà al via con una coppia storica di Ebimotors. Tornano insieme in una gara ufficiale Paolo Venerosi Pesciolini ed Alessandro Baccani, che vedremo in pista con la vettura numero 66.

Per Misano si prevedono condizioni di bel tempo con molto caldo e temperature massime che potrebbero superare i 35 gradi, con asfalto che punterà oltre i 45 gradi. Di seguito orari ed informazioni sulla manifestazione:

VENERDÌ 1 LUGLIO

10:30 11:30 prove libere 1

16:20 17:20 prove libere 2

19:10 20:00 qualifiche ufficiali, 2 turni da 20 minuti con 10 minuti di pausa

SABATO 2 LUGLIO

10:20 11:10 Gara 1

18:40 19:30 Gara 2

Le due gare saranno trasmesse in diretta

https://www.gt2europeanseries.com/watch-live

Vi terremo aggiornati con classifiche ed ampia fotogallery.

Nuova Dacia Duster 6×6 2023: pick-up di fine serie prima della Duster ibrida

La carriera dell’attuale generazione della Dacia Duster è iniziata nel 2018. Il modello inizialmente doveva rimanere a listino almeno sino a tutto il 2024 o addirittura al 2025. Visto il proliferare di avversarie e la mancanza di motorizzazioni ibride, il brand romeno ha deciso di anticipare la messa in pensione del modello attuale già a fine 2023 con l’arrivo della Duster III.

Nell’autunno 2021 è stato presentato il restyling del suv, ad inizio estate 2022 è arrivato il frontale con il nuovo logo. La carriera della Dacia Duster continuerà senza altre novità per ancora 15-18 mesi o ci attendiamo qualche versione speciale?

Dalle ultime notizie, probabilmente, arriverà qualche allestimento speciale, ma nulla di più. Il designer Uness Design ha ipotizzato una versione davvero estrema a 6 ruote motrici, con carrozzeria da pick-up. Una variante che sicuramente si rivelerebbe un prodotto d’immagine con un notevole effetto mediatico che punterebbe i riflettori sul brand del gruppo Renault.

Ovviamente non abbiamo alcuna notizia sull’arrivo di una tale variante. Ci sembrava comunque doveroso mostrarvela, ringraziando l’artista per la concessione del render (non ufficiale):

https://www.behance.net/gallery/146265979/Dacia-Duster-6×6-pickup-truck

Il pick-up Dacia Duster 6×6 potrebbe avere una lunghezza di circa 520 cm con un ampio cassone per il carico. Una vistosa intelaiatura in acciaio con fari sopra il tetto potrebbe garantire all’auto un look ancora più muscoloso.

La trazione sulle sei ruote motrici potrebbe essere scaricata a terra su un propulsore non presente ovviamente in gamma. Trattandosi di un pick-up da oltre 2 tonnellate si potrebbe ipotizzare un’unità a benzina o a gasolio, con potenza di circa 200 CV. A bordo spazio per 5 persone grazie alla doppia cabina. Il prezzo? Ipotizzeremmo qualcosa intorno ai 35 mila euro, comunque inferiore alle pari concorrenti americane.

Purtroppo la Dacia Duster pick-up non arriverà, vi terremo comunque aggiornati sulle prossime novità in arrivo per il brand romeno.

Nuova Mercedes GLA 2024: info sul restyling e nuovi motori

La seconda generazione della Mercedes GLA è in commercio dal 2020. L’auto è il suv d’attacco della Casa di Stoccarda e sta godendo di un ottimo successo sui mercati globali. Affiancata dalla versione elettrica EQA, l’attuale GLA continuerà di certo la propria carriera per altri 6 anni circa. Successivamente sarà da capire se i prodotti endotermici della Casa della Stella andranno definitivamente in pensione o se avranno ancora un futuro, specie se verrà sviluppata la tecnologia ad idrogeno in parallelo a quella elettrica.

Il possibile aspetto posteriore del restyling della Mercedes GLA

Ad ogni modo il restyling della Mercedes GLA arriverà probabilmente per la fine del 2024, con vendite che dovrebbero partire al massimo entro i primi mesi del 2025. Ancora non conosciamo dettagli dell’aspetto estetico della vettura. Proponiamo dei render non ufficiali presi dal video del canale Youtube Automobile Geek. Di seguito il link al filmato:

Oltre ad alcuni ritocchi nell’estetica del modello con nuova mascherina anteriore e gruppi ottici rivisti, il più grande cambiamento della Mercedes GLA restyling potrebbe aversi dentro con uno schermo unico più grande che potrebbe anche andare ad inglobare alcuni comandi della climatizzazione. Ovviamente arriverà l’ultima evoluzione della piattaforma MEB per quanto riguarda l’infotainment.

POSSIBILE AGGIORNAMENTO DEI MOTORI

Novità ulteriori potrebbero esserci sotto l’aspetto dei propulsori con la messa in pensione del 1.3 litri turbo di origine Renault in favore del 1.5 made in Volvo. Le potenze saranno comparabili con quelle odierne, con una probabile mini elettrificazione dell’intera gamma. Anche l’ibrida plug-in potrebbe derivare dallo stesso propulsore, con un’autonomia in elettrico di circa 60-70 km. Potrebbe essere introdotta anche la versione 300e, plug-in da 282 CV.

Sarà confermata, invece, l’unità 2.0 litri a gasolio per le declinazioni GLA180d da 122 CV, GLA200d da 163 CV e GLA220d da 200 CV di potenza. le tre versioni potrebbero anch’esse ricevere un piccolo upgrade in termini di potenza.

Tra le novità della futura Mercedes GLA potrebbero essere riviste anche le versioni sportive AMG. La 35 potrebbe arrivare a circa 320-330 CV, la sportivissima 45S addirittura intorno ai 450 CV, con tecnologia EQ Boost a propulsione ibrida Mild Hybrid da 48V.

Nuova Fiat Panda 2024: l’utilitaria globale, solo elettrica per l’Europa

Comincia a delinearsi qualcosa a riguardo del poderoso piano industriale che Fiat metterà in atto per ripartire. La volontà, dalle parole del CEO Francois è quella di farlo in maniera importante uniformando i prodotti su scala mondiale. Per cui sembra probabile che nel corso del prossimo decennio i modelli in arrivo non saranno più differenziati per aree (EMEA, LATAM), ma potrebbero avere la stessa base. A cambiare, eventualmente, saranno solo le motorizzazioni. In Europa sembra probabile che dal 2024-2025 Fiat lancia solo vetture con motorizzazioni elettriche. In Sud America le stesse auto potrebbero essere equipaggiate con propulsori a benzina o bio-etanolo.

Pilastro fondamentale di questa rinascita sarà la nuova Fiat Panda. Il nuovo modello, probabilmente realizzato su scala globale, sarà previsto per sostituire quello attuale qui da noi e la Moby in area LATAM.

La nuova Fiat Panda nascerà come derivata della Fiat Centoventi. Così Olivier Francois, CEO di FIAT, ha dichiarato a Quattroruote.

Nel percorso verso l’elettrico la Fiat andrà con due gambe, come ha fatto finora nel mondo termico. Una delle due gambe è la 500, la citycar fighetta, abbastanza accessibile ma con status. E poi c’è il mondo Panda/Centoventi, che risponde alla mission di Fiat che è quella di essere socially relevant, cioè di avere una responsabilità sociale, e oggi quel che è socially relevant è la transizione ecologica, cioè per il nostro marchio democratizzare l’accesso all’auto a batteria. Ebbene con il passaggio a Stellantis, la definizione delle piattaforme e via dicendo, i tempi si sono un po’ allungati, ma la seconda gamba, che si potrebbe riassumere come ‘l’elettrico per tutti’, sta arrivando”.

Quando sarà fatto il passaggio totale all’elettrico?

Non posso rispondere, se non che abbiamo dichiarato che dal 2024 tutti i lanci che faremo saranno esclusivamente elettrici, cioè non ci sarà una versione termica…, da noi, in Europa. Sì, perché i nuovi lanci saranno anche globali, e questa è bellissima…, questa è una cosa che mi mancava molto, non ero mai riuscito a farla. Cioè, riattrezzare totalmente le linee in Brasile per avere la stessa macchina che va qui e là: a batteria qui, termici là. Certo, in Brasile abbiamo rinnovato completamente la gamma: abbiamo appena lanciato la Fastback, dopo la Pulse, dopo la Argo, dopo la Moby, dopo la Toro, dopo la Strada, nomi da noi quasi sconosciuti, eppure sono le Fiat più vendute al mondo. Ma il sogno era di avere modelli unificati, davvero globali. Purtroppo, mancavano i soldi per dire: sai che c’è, cambiamo tutto e introduciamo una linea di prodotti globale. Ora succederà. Le sinergie e le economie di scala sono pazzesche e ci permettono di finanziare tutta l’operazione”.  

La nuova Fiat Panda potrebbe essere un’auto lunga circa 380-385 cm. Si tratterà di una vettura più grande rispetto ad oggi.

L’obiettivo di Fiat sarà quello di portare l’elettrico alla portata di tutti. Si cercherà quindi di garantire un prezzo d’attacco basso, attorno ai 15-16 mila euro. Alta la possibilità di personalizzazioni. Anche la versione base comprenderà un equipaggiamento completo, per abbassare il prezzo saranno essenziali tutti quegli equipaggiamenti fatti per abbellire l’auto, come cerchi, vernice, finiture, etc.

La volontà è inoltre quella di garantire all’auto un’autonomia quanto meno “decente” attorno ai 400 km (almeno nella versione top di gamma). Questo perchè la nuova Fiat panda dovrà essere una vettura da città, ma anche adatta alle trasferte.

Avremo ulteriori dettagli sulla vettura entro fine 2023. L’auto poi uscirà a fine 2024, con vendite nella prima metà del 2025.

Nuova Peugeot 408: info, foto, motori

La nuova Peugeot 408 entra nei listini senza sostituire alcun modello esistente. Sviluppata sulla piattaforma Emp2, è lunga 4,69 metri e, con un passo di 2,79 metri, vuole dare grande risalto al comfort dei sedili posteriori. La linea discendente del lunotto non limita il bagagliaio, che offre spazio variabile da 536 a 1.611 litri. L’altezza è di 1,48 metri.

DESIGN

Come per la nuova 308 ritroviamo anche sulla 408 il logo Peugeot ridisegnato ed il trattamento nero lucido di alcune superfici che aggiungono un ulteriore tocco sportivo. Nel frontale si trovano gli stilemi tipici della Casa ovvero mascherina pixellata a effetto digitale, luci diurne ad artiglio sormontate da fari a matrice di Led, cofano curvo nella parte frontale, grosso stemma al centro della calandra e nome del modello subito sopra. Il tetto spiovente, i vistosi rigonfiamenti all’altezza dei passaruota posteriori e la finestratura laterale che si assottiglia verso il montante D contribuiscono al carattere di un’auto che sa farsi notare.

Proprio per esaltarne le forme, l’auto approda sul mercato con due nuovi colori (Ossession blue e Titane grey), che si aggiungono a una palette più ampia, con tinte già note come il Pearl White, l’Artense rey, lo Sphera black e l’Elixir Red.

INTERNI E SICUREZZA

L’abitacolo si caratterizza per la presenza del nuovo i-Cockpit interamente digitale e del volante sportivo. Dal punto di vista di infotainment e sicurezza si trovano numerose novità in particolare il sistema Peugeot i-Connect Advanced con 3D Connected Navigation e servizi TomTom aggiornato “over the air” in remoto.

Sul piano della sicurezza attiva, si segnala la presenza di nuovi ADAS di livello evoluto che funzionano grazie a un sistema sensoriale composto da 6 telecamere e 9 radar. Tra questi: l’Adaptive Cruise Control con funzione Stop & Go, che mantiene la distanza dal veicolo che precede fermando e facendo ripartire l’auto in automatico nella marcia in colonna, e Night Vision, che assiste la guida di notte o in condizioni di scarsa luminosità rilevando pedoni, ciclisti e animali davanti al veicolo. Inoltre, il Blind Spot Monitoring, che sorveglia i movimenti nell’angolo cieco dei retrovisori, è qui presente in una versione aggiornata e migliorata con visuale portata a 75 metri e accompagnato dal Rear Traffic Alert, che rileva il traffico posteriore e avvisa dei veicoli in avvicinamento anche trasversalmente durante le manovre di retromarcia.

MOTORI E ALLESTIMENTI

Diversi i motori proposti per la nuova Peugeot 408, tra i quali però manca il diesel. Sarà infatti disponibile con il benzina 3 cilindri 1.3 PureTech da 130 CV o, in alternativa, ibrida di tipo plug-in nella duplice declinazione da 180 o 225 CV che il abbina il 1.6 turbo benzina ai motori elettrici. Tutti i motori saranno abbinati al cambio automatico, che è l’unico disponibile, e alla trazione anteriore. Più avanti arriverà anche la versione completamente elettrica.

Al momento gli allestimenti disponibili per la nuova Peugeot 408 sono tre (Allure, Allure Pack, GT), con prezzi di partenza di circa 35.000 €. La Allure avrà i cerchi da 17”, la Allure Pack, più ricca, tra le altre cose avrà le ruote da 20”, la più sportiva GT può invece contare su specifiche personalizzazioni estetiche.

GT3isti Challenge 2022: quinto Round a Monza

Torna nel tempio della velocità il GT3isti Challenge, manifestazione dedicata agli amanti delle vetture da corsa della Casa di Zuffenhausen. Il challenge è aperto alle Porsche stradali e da corsa e si disputerà nei giorni 24 e 25 giugno sulla pista di Monza, lunga 5.793 metri.

Sono ancora disponibili dei posti per poter sfrecciare sul velocissimo circuito, che proprio quest’anno festeggia le sue prime 100 candeline. Per tutte le informazioni è possibile iscriversi al seguente link di Track4fun:

Nella giornata di venerdì il team Ebimotors, sarà presente anche la Porsche 718 Cayman GT4 Clubsport #DrivingEmotionDays.

Ricordiamo le principali regole del GT3isti Challenge:

La singola tappa del campionato si articola in 4 turni di 25 minuti lordi, di cui: 1 turno di prove libere e 3 turni di gara che si svolgono la Sabato (nel caso di Monza).

  • nella giornata di venerdì sarà possibile per i piloti interessati acquistare ulteriori turni sia stradali che race. Non ci sono limitazioni per chi volesse provare le piste del campionato prima della gara.
  • ci saranno massimo di 60 vetture ammesse di cui max 30 in pista per turno.
  • I punteggi saranno divisi per classi; saranno assegnati per ciascuna classe i seguenti punti 22, 18, 15, 12,10, 8, 6, 4, 2, 1 partendo dal 1° fino al 10°classificato.
  • Saranno dati 4 punti aggiuntivi al miglior tempo assoluto di ogni classe.
  • La classifica di ogni pilota sarà data dai due migliori tempi ottenuti nelle 3 sessioni di gara.
  • La peggior gara nelle 6 tappe sarà annullata e non farà classifica.
  • La griglia sarà data dal miglior tempo al peggiore.

Sarà ammesso passeggero soltanto nel primo turno di prove libere (salvo casi eccezionali a insindacabile decisione del comitato organizzativo).

Come sempre Ebimotors assicura supporto meccanico e logistico all’evento. Per informazioni, prezzi e prenotazioni contattare Ebimotors alla mail info@ebimotors.com o al numero 031 772494.

Nuova Fiat 500X 2024: nuova generazione elettrica e grande come la Tonale?

La carriera della Fiat 500X è ormai giunta a ben 8 anni di vita, ma all’orizzonte non si vede ancora aria di cambiamento. Con l’ingresso di Fiat e di FCA nell’orbita Stellantis, sono cambiati i piani futuri del brand italiano. Ora ci sono più soldi per nuovi investimenti futuri, ma il piano di rinascita necessiterà di un po’ di tempo per prendere vita.

La Fiat 500X comunque potrebbe essere un modello non destinato a scomparire. Il suo successo ancora oggi è grande ed il secondo restyling di inizio 2022, con l’introduzione delle motorizzazioni mild hybrid ha riportato il modello alla ribalta.

Che ne sarà, però, di quest’auto? Dedichiamo questo articolo con alcune considerazioni sulla futura 500X. Ovviamente non si tratta ancora di una notizia certa. Inoltre anche le immagini utilizzate non hanno carattere ufficiale. Sono dei render ipotizzati dal designer brasiliano Kleber Silva. Inseriamo di seguito il link al suo profilo Behance dal quale abbiamo preso le foto.

FIAT 500X 2024, RICOSTRUZIONE DI KLEBER SILVA

Con l’avvento del nuovo crossover Fiat nel 2023-2024, la Fiat 500X sarà costretta per forza di cose a crescere in dimensioni. Se infatti quella che potrebbe chiamarsi Fiat Uno sarà lunga intorno ai 420 cm, la futura 500X dovrà crescere almeno sino ad oltre 430 cm, in maniera da differenziarsi. Cosa ci aspettiamo un domani per questo modello?

Quello che è certo è che se la 500X rinascerà, questa sarà più grande ed anche ( se non solo) elettrica. L’auto potrebbe crescere attorno ai 435 cm e venire progettata su pianale STLA Medium, con batterie sino a 65 kWh per autonomia fino a quasi 500 km. Una seconda ipotesi è quella che la futura Fiat 500X possa soppiantare se stessa e la Tipo, diventando un suv di segmento C lungo circa 450 cm, con proporzioni e soluzioni tecnologiche di derivazione Alfa Romeo Tonale. Per cui potremmo aspettarci una gamma ibrida plug-in (tra i 170 ed i 230 CV) ed elettrica.

Presentazione possibile entro fine 2024, con consegne da metà 2025. Attendiamo conferme con la speranza che comunque tale modello venga mantenuto in vita. Continuate a seguirci.