Comunicare sulla Luna con la rete 4G? Adesso è possibile grazie ad una prova che la NASA ha assegnato al Bell Labs di Nokia, firmando un accordo da 14,1 milioni di dollari cui obiettivo è quello di portare questo tipo di tecnologia di comunicazione anche nello spazio attraverso il progetto chiamato ‘Nokia 4G on Moon’. Non si tratta certo di una prima volta che la famosa multinazionale finlandese si mette a lavoro su un progetto di questo tipo. Diversi prototipi sono stati progettati già nel 2018, ma mai concretizzati. Oggi i Bell Labs hanno attivato un nuovo hardware adattandolo alle richieste della NASA. La rete 4G sarà avviata su un rover che sarà spedito sulla Luna, in maniera tale da creare una rete cellulare in grado di migliorare la comunicazione nello spazio.

Il nuovo prototipo Nokia 4G on Moon sarà attivato su un rover lunare progettato da ‘Intuitive Machines’ e alto tra i 3 ed i 5 metri, cui obiettivo sarà quello di assicurare all’apparecchiatura di rete 4G si resistere a radiazioni, fluttuazioni di temperatura e vibrazioni. Malgrado la mancanza di atmosfera agevolerà la propagazione del segnale, la portata dello stesso potrebbe essere abbastanza limitata. A tal proposito i progettisti di Nokia hanno stanno lavorando su due possibilità: un sistema di comunicazione a corto raggio (dai 300 ai 400 metri) ed un pacchetto LTE molto più forte utile per l’invio del segnale fino a 5 chilometri di distanza.  

Perché è importante l’arrivo del 4G sulla Luna? La presenza della tecnologia di comunicazione offrirà tanti vantaggi e assicurerà alla NASA la possibilità di utilizzare lo standard LTE per mettere in comunicazione il pianeta Terra con la Luna, in modo tale da aumentare le trasmissioni spaziali. I rover lunari ed i lander, in vista delle prossime missioni sulla Luna, saranno in grado di inviare video ad elevata risoluzione e dati scientifici a velocità più alte.