In seguito al DPCM firmato dal governo lo scorso 14 gennaio, che sarà valido fino al 5 marzo 2021, tutti gli organizzatori delle fiere fisiche che erano in programma in questo periodo hanno dovuto prendere atto del Decreto e rinunciare dunque alle edizioni invernali.  Però se da un lato FILO ha scelto di annullare del tutto la sua 55 esima edizione, dall’altro Pitti Immagine (Uomo, Bimbo e Filati) ha deciso di svolgere le edizioni invernali esclusivamente in formato digitale.

Di seguito il comunicato ufficiale diffuso da Pitti Immagine: “Preso atto del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM), firmato il 14.01.2021 e valido dal 16.01.2021, che, tra le altre misure di contenimento dei contagi, proroga sino al prossimo 5 marzo 2021 la sospensione in formato fisico delle fiere in Italia, Pitti Immagine comunica che l’edizione invernale di Pitti Immagine Uomo 99 si svolgerà in modalità esclusivamente digitale, sulla piattaforma Pitti Connect, che resterà online con i contenuti della presente stagione fieristica sino a inizio aprile e che garantirà un approfondito confronto tra espositori e gli operatori nazionali e internazionali del commercio e della comunicazione”.

Pitti Immagine ha così voluto comunicare che l’edizione invernale di Pitti Immagine Uomo 99 si terrà solamente in modalità digitale, sulla piattaforma Pitti Connect. Inoltre, tale piattaforma, continuerà a rimanere online con tutti i contenuti dell’attuale stagione fieristica in programma fino al mese di aprile, garantendo un riscontro dettagliato tra gli espositori e gli operatori nazionali e internazionali del commercio e della comunicazione.

Piattaforma Pitti Connect – Foto | Sito Uff. Pitti Immagine

Pitti Connect non è altro che un spazio dove il mondo reale e quello digitale si intersecano in un solo ed unico binario, creato per far confrontare gli espositori, i buyer e i giornalisti, mettendo a frutto in questo modo nuovi canali di connessione e opportunità di business dando alla luce insight e percezioni brillanti.

A seguire le dichiarazioni rilasciate in una nota da Raffaello Napoleone, amministratore delegato di Pitti Immagine:

“Nelle ultime settimane le probabilità di tenere le fiere in formato fisico erano chiaramente diminuite ma noi avevamo deciso di tenere aperta l’opzione sino alla conferma ufficiale della sospensione, perché sentivamo forte il desiderio dei nostri espositori e compratori, pur insieme a tutti i dubbi, di incontrarsi fisicamente, in modo diretto. Non un ottimismo superficiale, né un’ostinazione a dispetto delle evidenze: piuttosto la determinazione a non lasciare niente di intentato, fosse pure un messaggio utile per i mesi prossimi. Mi viene in mente la raccomandazione degli allenatori di pallavolo ai giocatori: anche se ormai è quasi certo che perderete questo set, fate più punti possibile, restate in piedi, per i vostri avversari sarà il segnale che nel set successivo darete battaglia…“.

L’amministratore delegato poi prosegue: “Ecco, il prossimo set fisico lo giocheremo in estate, ma nel frattempo vogliamo continuare a fare punti ed è perciò che in questo periodo abbiamo lavorato a fondo sulla dimensione digitale, su cui adesso stiamo concentrando tutte le forze (per Pitti Uomo possiamo contare sull’adesione di circa 250 aziende) e che sicuramente ci accompagnerà anche in futuro: gli eventi in live streaming dei giorni scorsi, con il grande successo che hanno avuto, sono già un buon inizio, insieme alle tante collezioni già caricate su Pitti Connect”.

Nel mese di novembre scorso il management di Pitti Uomo aveva optato per il rinvio del salone di Firenze a febbraio 2021. La fiera era infatti in programma dal 21 al 23 febbraio, e in queste date si sarebbero dovuti esibire Pitti Uomo, Pitti Bimbo e Pitti Filati.