Incredibile, ma vero! Un hacker è riuscito a sbloccare la “Autopilot Augmented Vision” di Tesla. Ovvero la nuova modalità di guida semi-autonoma che permette al guidatore di vedere i dati rilevati dall’Autopilot in tempo reale. Tutto ciò risulta davvero molto interessante.

Più di due anni fa, sono trapelate alcune immagini dall’interno di un veicolo mentre un ingegnere Tesla sta lavorando sull’Autopilot. Con questo si è capito che l’azienda statunitense era già a lavoro sulla modalità “Full Self-Driving”, mostrando appunto che nella modalità di sviluppo c’era qualcosa sull’Augmented Vision.

La visione aumentata mostrava in tempo reale il feed di ciascuna telecamera dell’Autopilot con una sovrapposizione di quello che stava rilevando tramite il suo sistema di visione artificiale. Ora a quanto pare l’hacker Teslagreen the only’, negli ultimi giorni è riuscito ad accedere alla modalità sviluppatore del pilota automatico, attivando la modalità di visione aumentata e postando il suo operato sul proprio profilo Twitter:

Inoltre, l’hacker ‘Green’ ha condiviso anche diverse immagini e video che in totale raggiungono cinque minuti di guida con la modalità attivata, riuscendo ad ottenere il miglior filmato del lavoro che Tesla Autopilot è riuscita a sviluppare e vedere fino ad oggi:

Questo rappresenta una delle migliori visuali inerenti al funzionamento interno del pilota automatico Tesla, su ciò che può rilevare in tempo reale e su come pianificare il percorso su strada. L’hacker ‘green’ si è poi chiesto come mai Tesla non consente l’accesso ai guidatori nell’utilizzo di questa modalità.

A quanto pare il sito statunitense ‘Electrek’ ha ipotizzato il mancato accesso a tutti della modalità in questione, in quanto Tesla non vuole che i conducenti si distraggono nel guardare il display quando attivano l’Autopilot e quindi non prestare attenzione sulla strada. I conducenti hanno il dovere di tenere gli occhi sulla strada e quindi di essere sempre pronti ad avere il controllo dell’auto in qualsiasi momento.

Tesla ha sempre confermato che la maggior parte degli incidenti con il pilota automatico sono dovuti ad un’eccessiva sicurezza che i conducenti hanno verso il sistema di assistenza alla guida. Quindi, considerato che l’azienda statunitense raggiungerà la completa guida autonoma, affidare la fiducia nel sistema di guida sarà un fattore molto importante.