navette autonome Renault
navette autonome Renault

Renault si butta nell’autonomo, ma c’è un colpo di scena: mentre per le auto private si resta cauti, per i trasporti pubblici si accelera a tutta velocità.

Auto? Sì, ma con le mani sul volante!

Il Gruppo Renault ha scelto di fare chiarezza: per le auto private, l’autonomia completa non è ancora nei piani. Certo, assistenza alla guida a livelli top di gamma per sicurezza e comfort, ma il volante resta saldamente nelle mani del conducente. La normativa è complessa, i clienti esitanti e i costi proibitivi. Quindi, L2 e L2+, con cruise control, mantenimento di corsia e, presto, sorpasso automatico. Ma niente occhi chiusi (L3) per ora.

Trasporti pubblici? Tutta un’altra storia!

E qui arriva la bomba: Renault si allea con WeRide per i trasporti pubblici autonomi. Minibus elettrici, senza autista, che si muovono in perfetta autonomia. Sì, hai letto bene, navette autonome. La prima dimostrazione? Al Roland-Garros 2024, dove dal 26 maggio si potrà fare un giro su questi gioielli tecnologici dal parcheggio P2 allo stadio e ritorno. Renault vuole essere protagonista della mobilità sostenibile con questi minibus che promettono di essere flessibili, sicuri e a zero emissioni.

navette autonome Renault
navette autonome Renault

Il futuro è adesso (quasi)

In Europa, con oltre 400 città che diventeranno a basse emissioni, c’è un bisogno urgente di soluzioni di trasporto pubblico innovative. Renault risponde con il progetto Mach 2, pronto nel 2026 a Châteauroux Métropole, Francia, con minibus elettrici e automatizzati. La visione? Un mondo dove i minibus autonomi funzionano 24/7, riducendo i costi operativi grazie all’assenza di autisti.

WeRide: il partner perfetto

Con oltre 700 veicoli autonomi in servizio globale, WeRide è il partner ideale. Renault punta su questa collaborazione per lanciare una flotta di veicoli L4, capaci di gestirsi da soli con supervisione remota. Una visione ambiziosa che si concretizza grazie all’esperienza accumulata e alle tecnologie avanzate.

Una scommessa sul futuro

Gilles Le Borgne, CTO del Gruppo Renault, non ha dubbi: “Siamo sulla strada giusta per offrire minibus autonomi e decarbonizzati entro la fine del decennio.” La sfida è lanciata, e Renault è pronta a cambiarne le regole del gioco.

E tu, sei pronto a salire a bordo?

Dal 26 maggio al 9 giugno 2024, prova la navetta autonoma al Roland-Garros. Un assaggio di un futuro dove l’innovazione guida la mobilità sostenibile.