La Fiat Ulysse è stata l’ultima vera monovolume a 7 posti di grandi dimensioni del brand. L’auto è stata prodotta in due generazioni ed il progetto è stato sviluppato in joint venture con Lancia ed i marchi francesi Peugeot e Citroen in quella che poteva prefigurare l’odierna alleanza Stellantis.

La prima Ulysse nacque nel 1994 e rimase in produzione sino al 2002. L’auto veniva prodotta nello stabilimento di Atessa. Di questo modello ne sono stati commercializzati oltre 131 mila esemplari in 8 anni. Poi è arrivata l’Ulysse di seconda generazione, più grande, ma meno riuscita, tanto che poi la sua sostituta è stata la Freemont, suv anche a 7 posti. La seconda generazione della monovolume italiana è stata venduta in poco più di 60 mila esemplari tra il 2002 ed il 2010.

Potrebbe tornare in auge sui nostri listini una monovolume con marchio italiano? Ad oggi la cosa è molto ardua, visto il proliferare di suv, anche a sette posti. Immaginando, però, un modello a scala globale, da vendere anche sul mercato americano ecco il progetto (ancora fittizio di nome e di fatto) Fiat Grand 500e.

Si tratta di un render di fantasia del designer brasiliano Kleber Silva di cui inseriamo di seguito il link alla fonte:

https://www.behance.net/gallery/157372847/Fiat-Grand-500e

La Fiat Grand 500e potrebbe arrivare non prima del 2026-2027. Si tratterebbe di una monovolume di grandi dimensioni, lunga oltre 5 metri. Basata sulla piattaforma STLA Large, potrebbe arrivare solo elettrica e con un pacco batterie di dimensioni importanti. La capacità delle celle potrebbe essere di circa 90 kWh nella variante d’attacco e di ben 120 kWh in quella di punta con autonomie tra 550 e 700 km. I motori potrebbero essere da 250 o da 350 CV assicurando così il giusto brio anche a pieno carico. Ad oggi la Fiat Grand 500e è solamente un progetto non reale, se Fiat tornerà nel segmento delle monovolume vi terremo aggiornati.