Lanciata nel 2021 la piccola citycar Citroen Ami è già diventata una microcar di successo. Sono stati oltre 9.000 gli esemplari venduti lo scorso anno. A lei si è affiancato un pari modello con marchio Opel, denominata Rocks-e.

Il possibile lato B della nuova Fiat Topolino, attesa per il 2023

La fabbrica in cui vengono prodotte queste microcar è situata a Kenitra in Marocco. Lo stabilimento può arrivare ad una produzione di 35-40 mila esemplari all’anno. Per il 2022 verranno prodotte 15.000 Citroen e 5.000 Opel. Facendo due conti, in Marocco vi è spazio per produrre altre auto. Essendo Fiat paragonabile per target di clientela ad Opel e a Citroen, si fa concreta l’idea che possa arrivare una microcar anche con marchio italiano. Tornerebbe così la piccola Fiat Topolino. Le immagini utilizzate nell’articolo sono state prese dal profilo Behance dell’artista brasiliano Kleber Silva. Di seguito il link alla fonte:

https://www.behance.net/gallery/141285427/Fiat-Topolino-EV

Se Opel ha radici sul mercato tedesco, Citroen predilige quello francese, quale miglior idea se non quella di riproporre la Fiat Topolino per sfondare in Italia?

Ovviamente, rispetto all’antenata del 1936, avremmo un’auto totalmente differente, elettrica, ma sempre a 2 posti e di dimensioni ridotte.

La nuova Fiat Topolino potrebbe arrivare nella primavera 2023, ad un listino di circa 6.000 €. Due posti comodi, 241 cm di lunghezza ed un raggio di sterzata di soli 7,2 metri. La Topolino andrebbe a conservare la meccanica della Ami con motore elettrico da 8 CV e batteria da 5,5 kWh di capacità, tale da garantire 75 km di autonomia.

E c’è di più. Non è da escludere che la piccola Topolino possa arrivare anche in versione cabriolet. Questo per ricordare le antenate “C” e Belvedere. La piccola elettrica senza tettuccio potrebbe costare circa 1.000 € in più.

La nuova Fiat Topolino potrebbe allargare gli orizzonti di Fiat puntando alla mobilità a zero emissioni con un prodotto che potrebbe diventare un successo nelle nostre caotiche città. Si tratterebbe anche di una citycar che potrebbe far decollare definitivamente nel nostro paese il concetto di car sharing. Attendiamo ovviamente conferme da Stellantis sul suo arrivo. Seguiteci per aggiornamenti.