Sono spuntate in rete le prime immagini, ancora allo stato “embrionale”, di quello che sarà il modello della rinascita per Fiat. Niente più restyling o messa in commercio di nuove motorizzazioni su modelli esistenti. Finalmente dalla seconda metà del 2023 si farà sul serio con l’arrivo della prima vera novità per Fiat sotto l’era Stellantis.

Parliamo del nuovo crossover di segmento B che la Casa torinese fabbricherà in Polonia. Si tratterà di un’auto che avrà molto delle cugine franco/tedesche ex PSA. I muletti di quella che potrebbe chiamarsi nuova Fiat Uno sono stati riportati dal sito Passione Auto Italiane al seguente link.

La nuova Fiat Uno (la chiameremo per ora così, anche se non è ancora certo il nome), sta saggiando per le prime volte la strada, camuffata da Opel Mokka.

Il designer brasiliano Kleber Silva immagina infatti l’auto con tali sembianze. Trattasi ovviamente ancora di render non ufficiali, presi dal suo profilo Behance.

La Fiat Uno Cross immaginata dal designer brasiliano si presenta come una variante della Mokka, che sarà probabilmente proposta in vesti più economiche rispetto al crossover tedesco. Si potrebbe trattare di un modello lungo circa 420 cm, con contenuti di pregio, ma che avrà la prerogativa di un prezzo d’attacco molto competitivo.

Ci aspettiamo motorizzazioni di origine francese, che potrebbero anche ottenere la tecnologia micro ibrida. Per abbassare il prezzo la nuova Fiat Uno potrebbe arrivare con un’unità d’attacco 1.2 PureTech aspirata da circa 85 CV. Si andrà poi sulle varianti più potenti da 101 e da 131 CV.

Niente gasolio, ma la gamma sarà impreziosita dalla versione elettrica da 136 CV con batterie che potrebbero avere una capacità di 50 kWh o qualcosa in più e garantire oltre 350 km di autonomia.

Il prezzo d’attacco del nuovo crossover Fiat potrebbe partire da poco meno di 20 mila euro e dovrebbe attestarsi circa 5-700 € più in basso rispetto alla Mokka a parità di motorizzazione. Le vendite dovrebbero partire per i primissimi mesi del 2024. L’auto punterà a vendere oltre 120-130 mila unità all’anno, in Europa, a regime. La Uno farà anche da base al successivo crossover di casa Alfa Romeo.