La quarta generazione della Skoda Octavia è arrivata sui mercati europei nel 2020. Si tratta probabilmente del modello di maggior successo della Casa Ceca, vettura nata nel 1996 che è stato probabilmente il primo prodotto del brand a levarsi di dosso quella patina di auto anonima dell’Est. Dalla fine degli anni ’90 ad oggi ne è passata di acqua sotto ai ponti tanto che ormai oggi la Skoda Octavia è cponsiderata una delle vetture (non suv) da famiglia di maggior successo. L’auto è da diversi anni tra i modelli più venduti in Europa con picchi che l’hanno messa anche nella top ten tra le vetture più commercializzate.

Ora, con il mese di febbraio arriverà il restyling di metà carriera dell’auto che le porterà una rinfrescata dentro e fuori. L’immagine utilizzata in copertina è un render non definitivo ed ufficiale di come potrebbe essere il frontale nel facelift della Skoda Octavia. La foto è stata presa dal canale Youtube di MV Auto. Inseriamo di seguito la fonte da cui abbiamo preso lo screenshot:

Il nuovo muso della Skoda Octavia è stato annunciato in un video ufficiale pubblicato sulla pagina Instagram del marchio, di cui riportiamo di seguito il link:

A cambiare sono soprattutto i gruppi ottici, dotati di tecnologia full LED. Possibile anche l’adozione di fari con tecnologia Matrix. Novità dovrebbero esserci anche per paraurti e griglia anteriore. Ci saranno leggeri ritocchi anche al posteriore. La nuova Octavia sarà sia wagon che berlina. La presentazione di febbraio farà sì che le prime vendite inizieranno dalla tarda primavera, con consegne in estate.

Come motorizzazioni la gamma rimarrà in linea con quella odierna con versioni a benzina (anche mild hybrid) ed a gasolio. Le potenze arriveranno sino ad almeno 245 CV. Le maggiori novità dovrebbero arrivare sul fronte delle varianti ibride ricaricabili con il 1.4 TSI che dovrebbe essere sostituito dal 1.5 TSI, con un deciso incremento della capacità del pacco batterie sino a circa 20 kWh. Autonomia a zero emissioni attorno ai 100 km. Per tutte le novità vi invitiamo a restare connessi.