Un genere particolare e avvolto da un alone di mistero, un modo di mostrare quella realtà che spesso viene offuscata e presa di mira dagli stereotipi, quello sfondo di soap che è sempre ben gradito. Sono questi gli ingredienti della Taodue et simila, che hanno capito tutto con l’assidua produzione di fiction poliziesche made in Italy. E proprio grazie a questi piccoli tasselli si crea un puzzle decisamente funzionale che- storia vera o meno che sia- riesce ad appassionare le persone e a tenerle incollate davanti il piccolo schermo, anche dopo anni. Prendiamo, per esempio, Distretto di Polizia: nata nell’ormai lontano 2000 e con ben undici stagioni al seguito, la serie che racconta la vita dei personaggi che lavorano al X Tuscolano è stata da subito apprezzata e, fino alla fine, ha mantenuto un alto tasso di auditel. Nonostante i numerosi cambiamenti nel cast e le continue variazioni stilistiche, gli affezionati non si sono persi neanche una puntata, curiosi di scoprire la conclusione della linea gialla principale di tutta la stagione sulla quale, episodio dopo episodio, si è indagato, oltre a tutti gli altri casi secondari spesso legati al mondo della criminalità organizzata. E inutile dire che, furti e omicidi a parte, Distretto è stato seguito anche per la storia d’amore di Vittoria Guerra e Giuseppe Ingargiola, nata tra un litigio e l’altro, per la calma di Parmesan, l’ingenuità e la simpatia di Ugo, ed è poi inutile negare i pianti fatti per la morte di Angela e, soprattutto, per quella dell’indimenticabile ispettore Mauro Belli, la puntata che ha registrato il numero più alto di ascolti di tutte le undici stagioni. A distanza di quindici anni in Tv è arrivato lo spin-off Squadra Mobile, dove ritroviamo il caro commissario Roberto Ardenzi con la figlia Mauretta, ormai studentessa universitaria, alle prese con dei casi tutti nuovi. Anche Squadra Mobile sta ottenendo un grande successo di ascolti, vuoi per la voglia di sgamare l’infiltrato o per vedere cosa accade a tizia che tradisce il quasi marito con il nuovo collega dal fascino irresistibile, Squadra Mobile è una serie che piace e che inevitabilmente incatena davanti la Tv ogni lunedì sera.

[Fonte photo: blogspot.com]
[Fonte photo: blogspot.com]

Una cosa che viene spesso lasciata nel dimenticatoio, però, è la realtà nel romanzo che, rispetto alla tipica fiction poliziesca american style, le rende meno esportabili all’estero. Gomorra – La serie, ispirato al romanzo di Saviano e di cui sono da poco iniziate le riprese della seconda stagione, è apprezzatissima anche fuori dall’Italia, in quanto racconta la vera storia divisa tra Napoli, Milano e Barcellona focalizzata sui clan Savastano e Conte, in lotta continua per il controllo dei traffici illegali nella zona. Squadra Antimafia – Palermo oggi, invece, è meno stimato all’estero in quanto troppo romanzata. La serie di Pietro Valsecchi, che dal 2009 è ormai giunta alla quinta stagione, è un prodotto che funziona in Italia ma che è decisamente poco esportabile fuori: la lotta tra Stato e mafia, tra vendetta e giustizia, tra Rosy Abbate e il vicequestore Claudia Mares, alla quale morte succede Lara Colombo che si contende con Rosy il cuore di Domenico Calcaterra, è un qualcosa che oltre il Belpaese interessa poco e niente, perché si gira troppo intorno alla storia vera e propria.

[Credits photo: Tumblr.com]
[Credits photo: Tumblr.com]

In Italia, quindi, la fiction poliziesca continua ad essere un prodotto funzionale, anche seguendo fili diversi e a distanza di vari anni, grazie anche alla notevole bravura degli attori come Salvatore Esposito, Marco D’Amore, Valeria Bilello e Giorgio Tirabassi, perfetti nell’interpretazione dei loro differenti e sfaccettati personaggi. Funzionano perché mostrano il duro lavoro delle forze dell’ordine, spesso oggetto di scherno della società odierna, e una realtà che passa sempre in secondo piano, con quel poco di love story che non guasta mai.
E se anche voi siete tra i nostalgici che guardano le repliche delle repliche (delle repliche, delle repliche e ancora delle repliche) di serie come Distretto di Polizia, riproposte annualmente sul digitale terrestre, non potete negare l’evidente efficacia delle travolgenti e avvincenti fiction poliziesche di questo target.

[Credits Cover: tv.fanpage.it]