Oggi, 20 aprile 2024, è una data da segnare sul calendario. Enrico Borghi, patron del team Ebimotors, festeggia i suoi primi 50 anni nel mondo delle corse. Non una semplice carriera lavorativa, ma un mezzo secolo di vera passione e vita per i motori.

Enrico Borghi lo abbiamo conosciuto in pista. Un patron diverso dagli altri, che impersona quello che era ed è il vero motorsport. Enrico riveste al meglio la figura del “boss”. Ma poi, allo stesso tempo, lo vedi insieme ai suoi meccanici ad osservare un motore, a “sporcarsi le mani” in mezzo agli ingranaggi. La sua è la dimostrazione di chi ha saputo trasformare una passione in un mestiere.

L’interesse per la meccanica è presente sin da bambino. Enrico Borghi si “fa le ossa” nell’officina del paese. Tutto ciò che ha un motore è il suo pane quotidiano, anche i motori delle barche (Enrico è originario della zona del lago di Como) diventano la sua palestra di vita.

Fare carriera in quel mondo non è semplice. Senza particolari agganci e senza un curriculum di prestigio si fa fatica ad emergere. Ma Enrico non molla. Scrive anche delle lettere per farsi assumere in qualche team, ma sono anni duri. Gli anni dell’austerity dove il motorsport non è visto di buon occhio. Finalmente arriva poi l’ingresso nella scuderia Alloni Corse.

Il debutto ufficiale di Enrico Borghi risale al 20 aprile 1974. Prima gara a Casale Monferrato in Formula 3 Campionato Italiano. Il pilota era Gaudenzio Mantova con la Brabham BT 41 Novamotor. In una recente intervista Enrico ha voluto riportare anche altre tappe importanti della sua carriera.

Da ricordare il debutto di Brunelli con una BWA di Formula Ford e di una Escort Mexico con Leo Coscera con solo 2 meccanici, io ed il mio collega “provolino” Amedeo che ci ha lasciato tanto tempo fa !!! … altri tempi“.

Seguono poi varie esperienze in tanti campionati minori, Formula Monza, Formula 850, Formula 3 e Formula 2, sino all’approdo in Formula 1. Qui Enrico Borghi diventa responsabile di vettura negli anni dal 1983 al 1985.

Tra il 1984 ed il 1994 la sua carriera prosegue nelle competizioni offshore. Poi la crisi del settore nautico lo spinge verso un ritorno a piene mani nel motorsport. La scelta è quella di proseguire la sua carriera con Porsche. Importante la data del 1 maggio 1994 che sancisce la nascita della partnership con la Casa di Stoccarda, con la prima apparizione in Porsche Supercup. Il legame con il marchio si consolida nel 1998 con la nascita di Ebimotors s.r.l., prima struttura ufficiale Porsche Motorsport in Italia.

Da lì è un crescendo di soddisfazioni in varie competizioni nazionali ed internazionali, con piloti di spicco e con un team che ad oggi è rinomato e rispettato nel mondo. Dalla redazione un vivo in bocca al Lupo ad Enrico, che è proprio conosciuto come il Lupo. Gli auguriamo altrettanti anni di immensi successi.