Nato a Londra il 25 giugno del 1963, Georgios Panayiotou (in arte George Michael) inizia la sua carriera formando la band «The Executive» con l’amico del cuore Andrew Ridgeley, un suo compagno di scuola e il chitarrista David Austin. Ma il gruppo non sopravvive a lungo lasciando spazio così ad un nuovo progetto che ha visto George ed Andy impegnati a realizzare il duo Wham!. La coppia diventa nel giro di un paio di anni uno dei nomi di maggiore impatto degli anni ’80.

Altrettanto rapidamente, però, si notano segnali di scollamento tra i due colleghi, già nel 1984. George Michael, infatti, per la prima volta come solista pubblica il singolo “Careless whispers”, che viene comunque incluso in un album degli Wham!. Un successo dopo l’altro spinge il più fortunato George a fare le valigie, conquistando un successo internazionale in meno di un anno. Era il 1985 quando il gruppo si sciolse definitivamente dopo un concerto in Cina.

Nel 1987, pubblica il suo primo album da solista intitolato Faith e anticipato dal singolo I want your sex (il videoclip fu censurato perché considerato vero e proprio inno al sesso sicuro). Carico di energia e sempre più voglioso di successo, per promuovere il suo personalissimo album decide di consacrare la sua quotidianità alla musica. Per oltre due anni si è esibisce in un tour mondiale che gli fa conquistare 2 Grammy Awards negli Usa.

Tuttavia la sua bravura ha anche contribuito a manifestare in termini impliciti le controverse sfaccettature della sua immagine, sfaccettature che ben presto spingono la nota rockstar a fare la confessione più importante della sua vita. E l’occasione si presenta con la pubblicazione di Outside, brano incluso nella raccolta Ladies & Gentlemen – The Best of George Michael.
A seguito di un incidente avvenuto in bagno pubblico di Los Angeles in cui l’artista venne arrestato per atti osceni, infatti, George decide finalmente di venire allo scoperto e di rivelare la propria omosessualità. Il testo della canzone parla proprio del suo bisogno di venire “allo scoperto” (outside in inglese) e poter vivere le proprie storie d’amore senza bisogno di nascondersi.

La sua vita continua ad essere vocata al suo “amore” più grande. Tra le grandi soddisfazioni, tanti anche i momenti difficili con cui l’artista ha dovuto fare i conti, e la musica sembra averlo sollevato in diverse circostanze. Grazie a “lei” oggi ha superato la depressione che lo ha colpito nel lontano 1993 (il cantante dovette affrontare la perdita di Anselmo Feleppa, suo compagno per due anni morto di emorragia cerebrale causata da Aids).

Nel 2006, tra voci di una reunion (temporanea) degli Wham!, Michael va avanti come solista pubblicando un nuovo singolo, “An easier affair“, a ridosso dell’estate; per l’autunno, invece, annuncia una celebrazione dei suoi 25 anni di carriera che comprende un “best of” e un tour. Mentre nel marzo 2014 esce un nuovo album dal vivo, SYMPHONICA, contenente registrazioni effettuate durante il tour orchestrale 2011/2012 e lanciato dal singolo “Let her down easy”.

Come dimostra l’ultimo album, dunque, la sua fama sembra arricchirsi ulteriormente con il trascorrere degli anni. Anche adesso all’età di 51 anni George Michael non accenna minimamente ad abbandonare il palco, desiderando sempre il meglio per i suoi fan e per se stesso.

[Fonte Cover Photo: musicwalls.org]