La voglia di riesumare Alfa Romeo come brand premium nei prossimi anni è forte. Ci aspettiamo in tal senso una forte campagna di investimenti di Stellantis sul brand con sede ad Arese, precipitato in una forte crisi negli ultimi anni. Avremo inizialmente una fase in cui si punterà prettamente su modelli di “largo consumo”. Ci vorranno quindi 4-5 anni per riportare in alto le vendite con modelli concreti, dallo stile inconfondibile.

Successivamente, se questa fase di rinascita andrà a buon fine, ci sarà spazio anche per dei modelli un po’ di nicchia che garantiranno un eccezionale ritorno d’immagine. Parliamo molto probabilmente di vetture sportive, il cui arrivo in Alfa Romeo potrebbe avvenire tra il 2027 ed il 2029.

Esempio che offriamo oggi ai nostri lettori è la rivisitazione moderna della famosa Disco Volante. Auto dall’eccellente design, prodotta in soli 5 esemplari tra il 1952 ed il 1953. Auto che ad oggi ha quotazioni alle stelle, di diversi milioni di euro per un singolo esemplare.

La vettura, chiamata 1900 C52 Disco Volante venne progettata da Gioachino Colombo e Carlo Chiti, sotto la supervisione di Orazio Satta Puliga e con la collaborazione della carrozzeria Touring. Alla base vi era la 1900C Sprint. Il coefficiente aerodinamico era di solo 0,25. Velocità massima di oltre 220 km/h grazie ad un motore da 2.0 litri e 158 CV. Le due versioni dell’auto ottennero una carrozzeria leggermente differente, con fianchi più stretti e motore da 230 CV per una velocità massima di oltre 240 km/h.

Negli anni a venire potrebbe tornare una sportiva ribattezzata Alfa Romeo Disco Volante? Le immagini utilizzate nell’articolo sono dei render presi dal video Youtube del canale di Rons Rides. Non si tratta di foto ufficiali:

L’auto potrebbe rinascere con l’ottica di rivisitazione in chiave moderna dei celebri modelli di un tempo. Magari elettrica e su piattaforma STLA Medium, con lunghezza di circa 450 cm e doppio motore da oltre 500 CV.

Certo i puristi si aspetteranno l’arrivo di una sportiva della casa di Arese con motore a benzina o al massimo ibrido. Sarà da capire quali saranno le dinamiche future del mercato. L’elettrico rimpiazzerà totalmente l’endotermico? Noi crediamo di no. Intanto gustatevi le foto, sognare non costa nulla.