Nel piano di rilancio dei vari brand di Stellantis, anche Abarth dovrà avere un suo peso. La Casa dello Scorpione è ferma al palo da troppo tempo. Un solo modello in commercio da oltre 10 anni, dopo che sono usciti dal listino la 124 e la Punto.

Abarth tornerà a fare sul serio con quelle piccole bombe che hanno fatto sognare ed emozionare generazioni di appassionati dagli anni ’50 in poi.

La splendida Fiat Panda Abarth che Tommaso D’Amico vorrebbe lanciare in produzione con almeno 180 CV. Idea surreale ad oggi, ma davvero stuzzicante.

La rinascita di Abarth potrebbe esserci dal 2024 in poi. In primis con la versione pepata della Fiat 500 elettrica. Poi? Il futuro rimane un’incognita. Vedremo tra il 2022 ed il 2023 quali saranno i progetti futuri.

Intanto vi presentiamo il render di un’ipotetica Fiat Panda Abarth ideata dal designer Tommaso D’Amico. Inseriamo di seguito il link al filmato e la pagina Instagram dell’artista: tda_automotive:

La Fiat Panda Abarth potrebbe essere un prodotto interessante da lanciare tra il 2025 ed il 2026 per incrementare le quote di mercato e per fornire a i clienti la versione sportiva di quella che è l’auto più venduta in Italia. In questo modo potrebbero spiccare il volo le quote di mercato del brand sportivo, ferme quasi a zero per ora.

La Fiat Panda Abarth potrebbe arrivare con un potente motore a benzina mild hybrid con oltre 120 CV. Oppure con una versione elettrica dalle caratteristiche spiccatamente sportive, con circa 140-150 CV e scatto da 0 a 100 in circa 8,5 secondi netti.

Un’idea da non tralasciare, anche se per ora queste sono solo supposizioni senza fondamento. Quello che ci auguriamo, da italiani, è che anche il brand Abarth possa tornare ad essere conosciuto, acquistato e rispettato. Sarebbe interessante che la politica di Stellantis per il futuro potesse seguire quello che Volkswagen sta facendo con Cupra e che Renault farà con Alpine.

Lanciare una vera e propria gamma di modelli ad alte prestazioni, con una propria identità. Ne parleremo (speriamo9 più avanti. intanto continuate a seguirci e mettete mi piace sulle pagine social dei nostri profili Facebook, Instagram e Twitter.