Little Big Show, il nuovissimo programma di Canale 5 condotto da Gerry Scotti, e Kid’s Got Talent, che ha debuttato domenica scorsa: due new entry nel panorama dei baby talent che non mettono in competizione i concorrenti junior.
Il vero premio è il divertimento” afferma Scotti in apertura. Di diverso avviso sono stati ‘Ti lascio una canzone’, ‘Pequenos Gigante’ e ‘Junior Masterchef’ dove l’ansia da prestazione gravava sui più piccoli e ingenui partecipanti, non abbastanza sazi di visibilità e desiderosi di apparire, convincere e ottenere consensi, provando ad alzare gli ascolti tra teneri sorrisi e goffe gag.

L’ingenuità dei bambini va preservata e sotto i riflettori è difficile che avvenga. Se i fornelli di Sky e le canzoni di Antonella Clerici non sono riusciti a difendere lo status innocente dei loro piccoli protagonisti, Scotti sta provando a ricordare qual è il vero obiettivo di un programma incentrato sui minori: divertire, ricordare il valore della spensieratezza, premiare la spontaneità, giocare.

E allora ecco l’ironia pulita sul web per i calcoli matematici di Diana e Garcia, il successo di Balang o la simpatia per la piccola centaura Cecilia. Un successo di ascolti per Scotti che è prima ancora un successo di valori preservati. 19.1% lo share della prima puntata andata in onda il 14 Dicembre scorso. 4 milioni di spettatori convinti dai più piccoli e dal ‘perfetto padrone di casa’, come è stato definito Gerry, apprezzato dai più. Gli ascolti continueranno a premiare la novità? In attesa di dati Auditel, Scotti si compiace della partenza promossa.