Il web ancora una volta regala innovazione e progetti d’avanguardia che ambiscono a far riflettere la comunità; il prossimo 18 giugno infatti sul canale YouTube “Welcome To Italy” debutterà l’omonima web serie che cercherà di trattare in modo divertente e ironico, ma anche riflessivo e critico il tema dell’integrazione, come spiega la regista Terry Paternoster“perché oggi i figli di genitori stranieri sono circa 400mila, non si può far finta di nulla, fra una decina d’anni saranno circa un milione.” E continua approfondendo la tematica: “Sono le seconde generazioni di immigrati, anche loro nuovi italiani, un’armata che non dimentica le proprie origini ma che desidera crescere qui, con gli stessi doveri e gli stessi diritti di tutti.”

La serie, composta da otto puntate, avrà per protagonisti sette giovani di etnie diverse, appartenenti alle comunità straniere più radicate a Roma, che decidono di fondare una radio indipendente, Radio Baobab, proprio per dare voce a chi deve conquistarsi tutto, perfino il diritto di essere considerato al pari degli altri. I protagonisti saranno Irma Carolina Di Monte che è Milagros, sudamericana, Maziar Firouzi che è Bashir, iraniano, Daniele Monterosi ovvero Assad, palestinese, Amin Nour che è Jamal, eritreo, Ania Rizzi Bogdan ovvero Luba, ucraina e Benjamin Vasquez Barcellano jr che è Jeffrey, filippino. A portare scompiglio dietro costrizione ma soprattutto il punto di vista dell’italiano, per il quale al momento “sono tutti clandestini”, sarà Emanuel Caserio ovvero Giorgio.

Insomma un cast ricco di giovani, un mezzo democratico e con ampio raggio d’azione per diffondere il proprio messaggio inserito in un’opera basata su una tematica estremamente attuale: qual è davvero la differenza tra immigrazione, clandestinità e integrazione? Quanto è difficile oggi vivere in Italia per tutti coloro che regolarmente sono arrivati nel nostro Paese? Ma soprattutto come vivono l’essere italiano i figli di immigrati, la cosiddetta “seconda generazione”? Come giustamente sottolineava la regista Terry Paternoster infatti il numero di figli d’immigrati in Italia si sta facendo consistente e tra qualche anno sarà ancora maggiore. La domanda è quanto questi ragazzi e ragazze riescano a sentirsi italiani. Le difficoltà a cui devono far fronte per integrarsi in una società sempre più spaventata dallo straniero sono infatti moltissime e per lo più dovute al pregiudizio.

Radio Baobab sarà il fulcro che terrà uniti questi ragazzi attraverso la condivisione di sentimenti e passioni ma anche delle difficoltà davanti a cui la società li pone; sarà il simbolo della libertà a cui ambiscono e il progetto che più li rappresenta poiché dà loro voce in una comunità che non li ascolta e non li vede. Sarà l’ancora che farà loro capire l’importanza delle loro origini ma anche la possibilità concreta e necessaria di porne di nuove per il loro futuro.

[Fonte Cover: Pagina Facebook Welcome To Italy]