L’ennesimo fenomeno made in Youtube ha l’accento siculo e una spiccata verve comica: si chiama Davide Limone ma il popolo della rete lo conosce come Davidekyo. Attivo dal 2008, quando ha iniziato a postare sulla piattaforma multimediale le sue prime parodie (tra cui quella del Cavaliere Oscuro di Nolan), il ragazzo di Catania è divenuto youtuber di professione da circa un paio di anni, grazie al vertiginoso aumento delle visite che il suo canale, Davidekyo Produzioni, ha raccolto giorno dopo giorno.

Davidekyo però non si ferma alle parodie: la sua nuova sfida si chiama La banda dei supereroi, il suo esordio dietro la macchina da presa. La pellicola, prodotta dalla Real Dreams (protagonista del lancio di un altro catanese, John Real) si presenta come la tipica commedia degli equivoci e si avvale della collaborazione di interpreti e personaggi noti in ambiente regionale e nazionale, come il comico Giuseppe Castiglia e Angela Troina, la favolosa cubista di Uomini e Donne.

Il Giornale Digitale ha voluto indagare dietro le quinte di un’altra youtube star che, che come i vari Willwoosh e Frank Matano, grazie al proprio talento e alle sterminate potenzialità della rete, si presenta in rampa in lancio.

– Da youtuber di professione a regista: come descriveresti l’esperienza dietro la macchina da presa e la collaborazione con un altro giovane talento, John Real, che del film è produttore?

É sicuramente un grande salto. Non ero mai stato su un set professionale e all’inizio ho avuto qualche difficoltà, ma anche grazie a John che mi ha aiutato durante tutte le riprese sono riuscito a dirigere senza troppi problemi. Questa esperienza sicuramente mi arricchito tantissimo e, anche se non si smette mai di imparare, posso comunque dire di avere appreso tantissime cose nuove.

– La banda dei supereroi, un progetto giovane che sembrerebbe basarsi sul meccanismo della commedia degli equivoci. Hai trovato ispirazione dai classici del genere italiani o americani?

Mi piacciono entrambi i generi. Infatti il mio obiettivo era girare una commedia italiana che si ispirasse anche ai generi esteri quali quelli americani. Il risultato finale è una via di mezzo tra le due cose.

– Hai costruito il tuo successo sulla parodia e sulla lingua: credi che l’uso fatto finora del dialetto, il siciliano, possa costituire una sorta di limite per il tuo stile e i tuoi progetti?

L’uso del dialetto per me non è mai stato un limite, anzi credo sia addirittura il mio punto di forza. Abbiamo un dialetto molto simpatico e che suscita ilarità, cosa che mi è stata confermata da molte persone che vivono al nord, che magari non capiscono bene i termini ma che si divertono semplicemente ascoltando il suono delle parole. Ho sempre fatto tantissime visualizzazioni su Youtube, provenienti da tutta Italia, con le mie parodie in catanese e credo di continuare per questa strada. Nel film tuttavia si è tentato di dare un approccio maggiormente nazionale alla storia e quindi abbiamo limitato l’uso del dialetto.

– Parlando di cinema: il tuo film preferito?

Non ho un film preferito, o meglio ne avrei anche troppi. Quando un film è bello è bello, senza distinzione di genere, nazionalità o regista.

– C’è un attore o un regista nello specifico con cui ti piacerebbe un giorno lavorare?

In Italia ci sono tantissimi talenti con cui mi piacerebbe un giorno recitare in un film.
A elencarli tutti non basterebbe una pagina.

– Nell’era del web 2.0, che presenta molti esempi di ragazzi che hanno sfondato sfruttando al meglio le potenzialità dei social, ti senti di dare qualche consiglio ai giovani che desiderano intraprendere un percorso simile al tuo?

Il mio film, “La banda dei supereroi”, parla proprio di questo: di non arrendersi e credere sempre nei propri sogni. Io ho continuato a credere nei video che facevo perchè continuavo a riscuotere tantissimi consensi dal pubblico. Quando sono gli altri a dirti che sei bravo a fare qualcosa, allora molto probabilmente è vero. Quindi spingi al massimo il talento che hai e vedrai che arriverai lontano.

– Il cavaliere oscuro, Twilight, la parodia di Peppa Pig. Puoi anticiparci qualcosa sui prossimi progetti su Youtube?

Eh eh, sicuramente non smetterò mai di fare parodie, fanno ridere tanto e sono molto contento di questo. Quando avrò un pò di tempo, più in là, mi piacerebbe lavorare a una nuova webseries

[Ph. Credits: Davide Limone/Davidekyo]