Kimera K39
Kimera K39

Kimera Automobili ha mostrato un altro modello ispirato alla classica Lancia 037. La Kimera K39 segna il debutto dell’azienda nel mondo delle corse. La vettura vanta una monoscocca in fibra di carbonio ed un’aerodinamica aggressiva. Trattasi di un affascinante restomood, presentato digitalmente nell’iconica livrea Martini Racing, è destinato ad affrontare la Pikes Peak International Hill Climb nel 2025.

La Kimera K39 è stata originariamente annunciata l’anno scorso , accompagnata da uno schizzo e da un prototipo in scala 1:5, offrendo un assaggio di ciò che sarebbe venuto dopo. Ora, l’azienda ha svelato il suo design esterno definitivo, traendo ispirazione dall’iconica macchina da corsa “Silhouette” del Martini Racing Team che ha avuto una presenza dominante nel Campionato Mondiale Sportscar negli anni ’70 e ’80. La Kimera K39 si ispira fortemente alla Lancia Beta Montecarlo Turbo guidata negli anni ’80 ed ’81 dai piloti Patrese, Alboreto, Rohrl, Cheever ed Heyer.

La K39 mantiene i quattro fari LED rotondi dei restomod EVO37 ed EVO38. Il resto della carrozzeria ha subito una profonda riprogettazione. La caratteristica più sorprendente è la coda allungata, caratterizzata da un sostanziale alettone posteriore a doppio piano, da gruppi ottici a LED a tutta larghezza e da un triplo scarico Capristo montato sopra il diffusore di derivazione sportiva.

Nella parte anteriore, il modello vanta un mento pronunciato con splitter oversize e profonde prese d’aria. I parafanghi sono notevolmente più larghi ed incorporano d’aria integrate, mentre le ruote sfoggiano eleganti coperture. Inoltre, c’è una presa d’aria sul tetto con antenne derivate dal motorsport.

Kimera non è entrata nei dettagli sulle specifiche tecniche della K39, ma ha confermato che l’auto da corsa sarà basata su un telaio monoscocca in fibra di carbonio e sarà dotata di “un motore che farà sicuramente rumore e si sentirà durante tutta la sua salita” . Questo fa capire che il modello non sarà elettrico, cosa evidente anche dai terminali di scarico.

È ragionevole supporre che la K39 supererà l’EVO37 e l’EVO38. L’ultima nata del brand adotta un’unità da 608 CV. Ipotizziamo che la K39 possa superare ampiamente quota 700 CV. L’auto correrà, come già detto, la Pikes Peak International Hill Climb nel 2025. Inoltre Kimera ha già accennato che la K39 verrà lanciata anche in una variante omologata per la strada rivolta ad un gruppo molto selezionato di collezionisti. L’auto sarà prodotta in edizione limitata.