Il processo di sviluppo della nuova Renault Captur è giunto ormai alle fasi finali. Renault sta mettendo a punto i dettagli del restyling del suo piccolo e fortunato SUV. Un modello “Made in Spain” che arriverà nelle concessionarie entro la metà del 2024 con novità in termini di design esterno, dotazioni tecnologiche e meccanica.

Basta dare una rapida occhiata alle foto spia per scoprire che le modifiche in termini di design esterno saranno concentrate nella parte anteriore e posteriore. In entrambe le zone è ancora presente il camuffamento, ormai ridotto ai minimi termini.  Un camuffamento che, per nostra fortuna, è stato ridotto. Il prototipo è stato sorpreso mentre effettuava prove su strada aperte al traffico nel sud Europa. Le foto spia sono consultabili al seguente link:

https://www.motor.es/noticias/cupra-terramar-2024-fotos-espia-202398797.html

La foto di come potrebbe essere l’aspetto definitivo della Renault Captur 2024 è, invece, presente al seguente link:

RENAULT CAPTUR 2024

Fuori avremo nuove luci di marcia diurna a LED in formato verticale. L’aspetto prenderà diversi spunti dalla Renault Clio. Verranno rivisti anche il paraurti anteriore e la griglia. Piccoli ritocchi anche a paraurti e gruppi ottici posteriori. Renault doterà la Captur di un sistema di infotainment più avanzato con cui accedere a numerosi servizi digitali online. Inoltre, l’elenco dei sistemi di assistenza alla guida verrà ampliato. A tutto ciò bisogna aggiungere nuove opzioni in termini di personalizzazione esterna e/o interna.

A livello motoristico non dovremmo vedere più il 1.3 TCe. Questo sarà sostituito dal più recente 1.2 TCe dotato di tecnologia MHEV. Questo sarà disponibile con potenze tra circa 90 e 140 CV. Lo stesso propulsore (notizia da confermare) potrebbe essere il predestinato per le versioni full hybrid ed ibrida ricaricabile. Resterà in gamma la versione bifuel con predisposizione per l’utilizzo del GPL (Gas di Petrolio Liquefatto).

La nuova Renault Captur sarà fabbricata a Valladolid. Prime commercializzazioni entro l’estate 2024. Attesa anche la versione “lunga” con maggiore sbalzo posteriore.