Il processo di rinascita di Lancia partirà non prima del 2024. Si ricomincerà con la nuova generazione della Ypsilon che sarà il prodotto del rilancio. L’auto sarà anche elettrica e su piattaforma francese CMP. Si tratterà di una vettura più grande del modello attuale e con un design votato ad un pubblico più trasversale. Le tappe della ripartenza vedranno il brand ritornare sul mercato europeo tra 2024 e 2025. Successivamente verranno lanciati altri due modelli, probabilmente un crossover di segmento B nel 2026 e la nuova generazione della Delta.

Capiremo solo allora quali saranno gli sviluppi futuri del brand italiano. Tutto dipenderà da come andranno le vendite e se si riuscirà a superare quella patina di reticenza che c’è ad oggi verso quel marchio soprattutto all’estero.

Immaginiamo che, almeno per tutto questo decennio, non ci sarà spazio per altri modelli al di fuori di quelli che devono riportare in alto le vendite. Per cui i prodotti lancia si concentreranno maggiormente sui segmenti B, C e D, con una possibile incursione nel segmento delle ammiraglie.

Più avanti chi lo sa, solo a Stellantis toccherà rivelare cosa effettivamente potrebbe arrivare nel corso dei prossimi anni. Intanto ci sembrava carino mostrarvi questo render nato dall’unione della Lancia Delta di ultima generazione, assieme alla Maserati MC12. L’immagine di copertina è stata presa dal profilo Facebook di Necessary automobile nose swaps.

Una supercar a listino per Lancia non arriverà almeno per i prossimi 10 anni. Se tornasse una vettura dalle caratteristiche sportive, il modello più papabile potrebbe essere la Stratos. Si tratterebbe quindi di una coupè di piccole dimensioni, dalle prestazioni importanti, probabilmente elettrica, ma non estrema.

La Lancia MC12 ritratta in foto sembra invece una supercar con la S maiuscola, magari con un motore ibrido plug-in da oltre 700 CV di potenza combinata.

Ovviamente si tratta ad oggi di un puro esercizio di stile, senza nulla di reale e concreto dietro. Facciamo comunque i complimenti al designer. Per conoscere i piani futuri di Stellantis continuate a seguirci ed a frequentare i nostri profili social su Facebook, Instagram e Twitter.